Lo stile e la personalità di un diver sono inconfondibili. Grazie ad alcune caratteristiche specifiche affermatesi nel tempo, fino a diventare valori imprescindibili, un orologio da immersione è una vera filosofia di vita. Per la verità l’utilizzo sportivo è l’ultima delle preoccupazioni. L’importante è la sua personalità. Creare un diver obbliga a eseguire scelte obbligate in merito a cassa, ghiera, lunetta ecc. E se esci dal seminato? Non c’è una risposta a questa domanda. Nella vita è tutto un tentativo e, del resto, di tradizione l’Orologeria è piena (forse troppa?). Ho parlato del Jacques Bianchi JB 200 con corona al 9 e a molti sarà sembrata una mossa sconvolgente. Ecco un modello che presenta caratteristiche molto poco ortodosse. Il D1 Milano Subacqueo lancia il guanto di sfida ai Submariner, i Seamaster et similia. Come giudicarlo? Parlerà il portafoglio ordini.

CASSA

È in acciaio con un diametro di 43,5 mm e spessore di 13,5. La forma non è il classico tondo perfetto della categoria ma un quadrato con proporzioni corpulente e angoli molto smussati. Si nota la notevole ampiezza della carrure e l’assenza di anse: il cinturino in gomma si inserisce nella cassa dai lati superiore e inferiore. È equipaggiato con due corone, caratteristica che lo rende molto appetitoso per un aficionado del “sistema C@4”: quella a vite alle 4 serve alla regolazione dell’ora. La seconda corona alle 10 ruota la parte interna della lunetta con cui misurare 60 minuti, dei quali i primi quindici con maggiore precisione. Il fondello è serrato a vite e riporta (un’ottima idea) il numero della cassa. L’impermeabilità è garantita fino a 300 metri.

Versione con quadrante verde. Si nota la corona al 4 e lo spessore del rehaut

QUADRANTE

Il colore della superficie del quadrante dà origine a tre versioni:

  • Deep Blue
  • Deep Green
  • Deep Black

Questo è disponibile in colore verde, grigio scuro e blu. Visualizza ore, minuti, secondi continui e datario (con finestrella alle ore 4). Le lancette di grandi dimensioni (specialmente quella delle ore) sono riempite con superluminova bianca. La sua personalità massiccia si coglie nella dimensione notevole del rehaut che contribuisce a esaltare il suo ruolo di protagonista degli abissi. L’arredo è completato da indici tondi di notevole spessore che marcano con decisione le ore. La lancetta dei secondi presenta un piccolo disco sul finale, un dettaglio che, personalmente, trovo esalti in modo definitivo la sua natura.

Versione con quadrante nero. La corona al 4 regola ora e data. La corona al 10 regola la parte interna della lunetta

MOVIMENTO

Il D1 Milano Subacqueo è equipaggiato con un calibro Miyota o SII NH35, meccanico a carica automatica, 21.600 alternanze l’ora, circa 41 ore di autonomia. Si indossa con un cinturino in robusta gomma nera dotato di doppia chiusura di sicurezza. Il cinturino è unito alla cassa mediante viti in modo da agevolare la sostituzione.

PRODUZIONE E PREZZO. Tutte le referenze sono proposte al prezzo di 495€.